Riparabile per 10 anni, la rivoluzione degli elettrodomestici

5.00



moulinex“Riparare piuttosto che buttare”. Avreste mai immaginato che uno slogan del genere potesse partire da una casa produttrice di elettrodomestici? Ebbene, a pronunciarlo è stata la multinazionale Groupe Seb, presente sul mercato con i marchi Moulinex, Rowenta, Tefal e Krups. Il gruppo francese ha lanciato una scommessa: rendere i suoi prodotti riparabili gratis per 10 anni, e non più soltanto nei 2-3 anni di garanzia.  

Si tratta di un segnale importante di sensibilità verso la lotta agli sprechi e all’obsolescenza programmata, e di adesione ai principi dell’economia circolare. Una scelta che può avere vantaggi per tutti: per il consumatore, in termini di risparmio economico; per l’ambiente, grazie alla riduzione dei rifiuti elettrici (RAEE); e non ultimo per il produttore, che ottiene la fidelizzazione della clientela. Secondo Alain Pautrot, vicepresidente di Groupe Seb, ogni riparazione è una potenziale vendita in meno per i nostri concorrenti e una fidelizzazione futura del cliente che si sente garantito dell’investimento”. Ciò conferma che si tratta di una decisione strategica oltre che etica.   

Dopo un’iniziale fase di test, la riparabilità per 10 anni verrà estesa a tutti i marchi del gruppo, e coinvolgerà il 95% della produzione. Dal 2008 Seb può contare su un magazzino di 15.000 metri quadri, situato in Francia e precedentemente adibito a stabilimento, in cui sono conservati 5,7 milioni di pezzi di ricambio. Sarà proprio questo il centro nevralgico della sua politica di riparabilità.

La sfida del gruppo Seb è fondata anche sulla convinzione che in futuro le riparazioni diventeranno sempre più semplici, meno esose e facilmente personalizzabili attraverso la stampa 3D. Le sostituzioni saranno mirate alla singola parte difettosa, con un indubbio risparmio sia per l’azienda che per l’ambiente.

Un altro tassello della scommessa di Groupe Seb è quello di insegnare ai clienti ad aggiustare da soli i propri elettrodomestici, attraverso la pubblicazione online di video-tutorial che li guidino – laddove possibile – nella riparazione fai-da-te. Una piccola grande rivoluzione sostenibile che ci si augura possa essere presa da esempio dalla concorrenza, ma anche da altri settori di mercato.  

Recommended Posts