Albero di Natale (vero), cosa farne dopo le feste?

0.00



simmering-potpourri-2Natale è finito, finite sono le vacanze, i dolci, i pandori, i regali e le tombolate con amici e parenti. Una cosa però ancora resta in alcune case: l’albero di Natale. È lì che vi guarda e voi restate lì immobili a guardarlo, dovete liberarlo di palline, luci e fili rossi e questo di per sè è una passeggiata, il problema principale è cosa farne dopo. Questo problema sorge per quelli che hanno deciso di acquistare un abete vero. L’abete vero è bellissimo ma oltre ad essere una scelta poco ecologica è anche una scelta molto molto scomoda! Comunque il danno è fatto adesso resta solo il da farsi. Sicuramente la scelta migliore sarebbe quella di ripiantarlo, sul terrazzo, in giardino o ovunque volete, l’unico problema è che le probabilità che l’abete continui a vivere sono un po’ basse, questo infatti dipende dalle sue condizioni vegetative e dalle condizioni climatiche, ricordate che gli abeti sono piante tipicamente montane. Da escludere il rimboschimento che potrebbe causare un’alterazione dell’ecosistema creando problemi di inquinamento genetico, soprattutto se non conosciamo l’origine della pianta. Allora cosa fare? In questo articolo vi diamo alcuni consigli su come riutilizzare il vostro albero di Natale.

  1. Potpourri invernale. Gli aghi del vostro abete mischiati con stecche di vaniglia, chiodi di garofano, scorza di arancia essiccata e qualche goccia di oli essenziali sono ottimi per profumare ambienti, armadi e cassetti creando una piacevole atmosfera invernale.
  2. Portacandele in legno. Potete ricavare dei simpatici portacandele dal tronco del vostro abete, tagliandone una porzione delle dimensioni che preferite e Porta-candele-a-forma-di-tronco-oggetti-designscavandola accuratamente al centro in modo che riesca a contenere un piccolo lumino. In questo modo potrete creare degli originali complementi d’arredo rustici e creare un’atmosfera intima e accogliente.
  3. Confini del giardino e delle aiuole. Con i rami dell’albero invece potete creare un reticolo protettivo da posizionare al di sopra delle vostre aiuole per proteggere semi e germogli, oppure potete utilizzarli come asticelle da legare agli steli e ai fusti delle piante, per guidarne la crescita.

Insomma non disperate, le idee ci sono e sono anche molto originali e con queste potrete “recuperare” il vostro abete natalizio esercitando la vostra fantasia e la vostra creatività.

Recommended Posts